Rocket League per Nintendo Switch – Recensione

di Giuseppe Migliorino 0

Rilasciato per la prima volta nel 2015 su PC, PS4 e Xbox One, Rocket League ha subito conquistato milioni di giocatori in tutto il mondo grazie alle sue dinamiche originali e divertenti, tanto da diventare uno degli eSport più diffusi e seguiti. Ora, anche gli utenti Nintendo Switch possono cimentarsi in questo particolare gioco di calcio e… auto!

Senza paura di essere smentiti, possiamo definire Rocket League uno dei giochi più pazzi e divertenti degli ultimi anni, capace di creare dipendenza dalla prima partita. Dopo aver vinto decine di premi e aver venduto oltre 10 milioni di copie, Rocket League arriva anche su Nintendo Switch a pochi giorni dai campionati mondiali che si sono svolti dal 10 al 12 novembre. Come detto prima, Rocket League rimane ancora uno dei titoli più importanti nel panorama degli eSport, capace di catturare sempre più giocatori.

Rilasciato nel 2015 un po’ in sordina, con il passare del tempo Rocket League è riuscito a conquistare tutto il mondo, prima su PS4 e poi su PC e Xbox One. Merito delle dinamiche di gioco facili da apprendere, ma complesse se si vuole competere ad alti livelli, e del comparto multiplayer in grado di regalare divertimento senza eguali.

Per chi non lo conoscesse, Rocket League è essenzialmente un gioco di calcio, ma con le auto. Lo scopo è fare gol nella porta avversaria, ma non ci sono falli, punizioni, cartellini o interruzioni di gioco se la palla esce fuori. Ogni partita viene giocata all’interno di un’arena, con le auto (fino a 4v4) che rincorrono la palla gigante tra un turbo e un salto per superare gli avversari di almeno un punto.

I comandi sono molto semplici e prevedono l’utilizzo dei Joy-Con (o del Controller Pro) per accelerare, attivare il turbo sulle apposite pedane, frenare e andare in marcia indietro, inquadrare la palla, derapare, saltare ed effettuare altre azioni utili per portare la palla nella porta avversaria o per evitare di subire un gol.

Imparare i comandi è un gioco da ragazzi, e si può subito entrare nell’arena per sfidare altri giocatori. Molto ben fatto il tutorial, che dura poco ma fornisce tutte le indicazioni per iniziare al meglio una partita.

Il problema è che per diventare quanto meno utili alla propria squadra bisogna allenarsi partita dopo partita, dato che non è affatto semplice controllare per bene l’auto, indovinare i giusti tempi per colpire la palla e cercare di fare gol (o di “parare” se si ci trova in difesa). Non ci sono tattiche, visto che spesso si gioca con persone sconosciute, ma di fatto ogni giocatore deve capire la situazione della partita e muoversi di conseguenza. Un match dura 5 minuti, ma il vero problema è che Rocket League crea dipendenza! Quando una partita termina, la frase tipica è “solo un’altra e poi spengo”… ma poi ci si ritrova ad aver giocato 10 match senza sapere come!

I vari bonus possono essere utilizzati per personalizzare l’auto e potenziarla, ad esempio con un’accelerazione che consente di colpire le auto avversarie per spazzarle via. Le squadre più organizzate, soprattutto in 4v4, utilizzano una delle auto solo per tamponare gli altri giocatori avversari e spingerli fuori posizione. Con un colpo ben assestato, infatti, l’auto avversaria rimarrà fuori combattimento per alcuni secondi.

Soltanto giocando si imparano questi ed altri piccoli trucchi in grado di farvi competere con i giocatori più esperti. Probabilmente, nelle prime partite faticherete anche solo a toccare la palla, ma vi accorgerete anche dei netti miglioramenti dopo un certo numero di match.

Tra l’altro non pensate che online troverete solo novellini con la Nintendo Switch e il primo Rocket League della loro vita. Il multiplayer online è infatti cross-platform e potrete sfidare anche veterani da tempo giocano su Xbox, PC o PlayStation! Questa scelta dà anche la possibilità di trovare subito persone da sfidare, visto che online ci sono sempre migliaia di giocatori! Ed è anche possibile creare partite private per sfidare gli amici. Durante le partite si può utilizzare la chat per parlare con gli altri giocatori, anche con frasi preimpostate legate ai vari tasti del Joy-Con sinistro (puoi ad esempio complimentarti con un compagno in caso di assist vincente…). Dalle nostre prove, l’online è una bomba e non abbiamo notato rallentamenti anche durante le partite con 8 giocatori.

Vista la natura della Nintendo Switch, non manca chiaramente la possibilità di organizzare tornei in locale con più console collegate o sfidare un altro giocatore utilizzando i due Joy-Con in dotazione. Su TV è possibile giocare in split screen fino a 4 giocatori. Non mancheranno le imprecazioni…

Rocket League è anche un concentrato di statistiche e tiene traccia di tutti i nostri risultati e delle nostre performance, per avere poi accesso a modalità online con giocatori più esperti. Migliorando le proprie statistiche, il giocatore avrà accesso a nuove auto e altri contenuti per a personalizzazione. Su Switch sono presenti anche due auto esclusive a tema Super Mario e Metroid.

A livello tecnico, il porting è stato effettuato dai ragazzi della Panic Room, già autori del miracolo “DOOM” su Nintendo Switch. In modalità TV si nota qualche piccola  differenza rispetto alla versione per PS4, ma in modalità portatile il gioco dà il meglio di se dal punto di vista grafico. Questo non pregiudica però l’esperienza visiva, che rimane ottima (720p in modalità dock, 576p in modalità portatile) in tutti i frangenti.

Conclusioni

Rocket League, uno dei giochi multiplayer più di successo degli ultimi anni, non poteva mancare su Nintendo Switch in un porting eccezionale. Al di là di alcune esclusive come le auto Metroid e Super Mario, il plus di questa versione è dato dalla possibilità di giocare a Rocket League ovunque, anche con gli amici quando siamo fuori casa e senza TV a portata di mano. E il divertimento, forse, è ancora più alto!

Un gioco che vi catturerà dal primo momento, con il rischio di creare vera e propria dipendenza! Se non avete mai giocato a Rocket League sulle altre console, allora è il momento di farlo su Nintendo Switch!

3.5

Un gioco che vi catturerà dal primo momento, con il rischio di creare vera e propria dipendenza! Se non avete mai giocato a Rocket League sulle altre console, allora è il momento di farlo su Nintendo Switch! Ci sarà un motivo se gli utenti PS4 continuano a giocare regolarmente a Rocket League a due anni dal suo lancio...

Rocket League

Pro

Divertimento allo stato puro
Modalità online pazzesca
Ottimo anche in multi locale

Contro

Qualche piccola carenza tecnica
Modalità single-player poco interessante

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link