Outlast: Bundle of Terror, la recensione della versione per Nintendo Switch

di Giuseppe Migliorino 0

Immaginatevi uno dei migliori survival horror. Giocato nel letto. In una stana buia. Con una splendida console portatile. Ecco a voi Outlast: Bundle of Terror per Nintendo Switch!

Outlast: Bundle of Terror è uscito per la prima volta nel 2013 su PS4, per poi arrivare qualche mese più tardi anche su Xbox One e PC. Ora è il turno della versione per Nintendo Switch, che include anche il DLC “Outlast: Whistleblower“, unica novità di rilievo rispetto alla versione originale. E questo è un bene, soprattutto per chi non ha mai  avuto la (s)fortuna di entrare nel manicomio Mount Massive Asylum. Il terrore, il vero terrore, è dietro l’angolo.

Il manicomio Mount Massive Asylum

Il gioco è ambientato proprio nel manicomio Mount Massive Asylum, tra le solitarie colline del Colorado. Si tratta di una casa di cura per malati mentali, a lungo abbandonata e recentemente riaperta dal settore “ricerca e beneficenza” della multinazionale Murkoff Corporation, per celare qualche strano segreto. Il nostro protagonista, il giornalista indipendente Miles Upshur, ha ricevuto una soffiata anonima da un ex dipendente della struttura che lo informa di strani avvenimenti accaduti proprio all’interno del manicomio.

Saremo noi a dover scoprire i misteri di Mount Massive Asylum, con un preambolo che ci viene subito svelato: non siamo dei combattenti, quindi l’unica nostra speranza di sopravvivenza sarà quella di scappare e nascondersi, nascondersi e scappare… e così via. Ad esempio, non saprai mai quando, né da dove, i terrificanti pazienti del manicomio ci salteranno addosso.

Il gameplay

Outlast: Bundle of Terror è essenzialmente un’avventura in prima persona, il cui scopo è quello di scappare dai terrificanti personaggi che incontreremo all’interno del manicomio, cercando al contempo di scoprire i segreti della struttura. E le dinamiche di gioco sono terrificanti, avvincenti e divertenti. Attenzione però, perchè il gioco non è per tutti: al di là di un’atmosfera da vero e proprio horror, con figure terrificanti che compaiono all’improvviso e altre situazioni realmente paurose, non mancheranno scene di violenza.

La differenza tra Outlast e la maggior parte degli altri survival horror è che qui siamo soli e inermi, senza possibilità di usare un qualsiasi tipo di arma. Per chi non lo avesse capito, in questo gioco le uniche alternative sono scappare o nascondersi, anche se abbiamo a disposizione alcune manovre evasive che ci potranno salvare in tante situazioni.

Un ruolo fondamentale è dato dalla luce. Trovare angoli illuminati potrebbe essere la nostra salvezza o la nostra fine, a seconda della situazione. Potremo poi nasconderci in un armadietto o sotto un letto, ma alcuni dei personaggi potrebbero iniziare a cercare nella stanza, costringendoci a fughe alternative o… alla morte.

Avremo a disposizione anche una videocamera (si attiva con il tasto R) la cui batteria però prima o poi finirà. Grazie a questa videocamere potremo riprendere alcune scene e sfruttare la visione notturna.

Senza, in alcune scene saremo praticamente avvolti dalle tenebre. Fidatevi, quando capirete l’utilità della videocamera e inizierete a vedere l’indicatore della batteria che lampeggia in rosso sarete presi da ulteriore paura di andare avanti. Fortunatamente, lungo all’interno della struttura sono disseminate varie batterie di riserva, anche se spesso si trovano in luoghi poco accessibili. Altrimenti, perchè dovremmo addentrarci in un bagno oscuro, in una cella o in un tunnel sotterraneo?

Ovviamente, Outlast ha un percorso prestabilito e la rigiocabilità è ridotta all’osso, dato che si perde tutta la sorpresa di ritrovarsi all’improvviso davanti un qualche terrificante personaggio. Pian piano, il puzzle viene composto grazie al recupero di vari file e registrazioni e l’atmosfera davvero fantastica contribuisce a regalare tantissime emozioni.

Questione di fps

A livello tecnico, Red Barrels ha fatto un ottimo lavoro, riuscendo a portare su una console come Nintendo Switch un gioco pensato per PS4 e PC. La grafica è nitida, con ottimi effetti di luce e una fluidità perfetta. In modalità portatile giocheremo a 720p e 30fps, mentre la risoluzione sale a 1080è in modalità TV.

Anche i controller sono sfruttati bene, ma ci saremmo aspettati un coinvolgimento maggiore dell’HD Rumble davvero poco sfruttato rispetto alle potenzialità della Switch. In certe scente, l’HD Rumble avrebbe potuto fare la differenza rispetto alla versione originale.

Anche l’audio è stato reso al meglio. Giocare Outlast con le cuffie è un’esperienza davvero terrificante.

Il DLC

Il DLC incluso Outlast: Whistleblower ci mette nei panni di Waylon Park, ingegnere sotto contratto con la Murkoff e colui che all’inizio delle vicende di Outlast invia la soffiata ai giornalisti di tutto il mondo, incluso Miles. Dopo un paio di settimane al manicomio di Mount Massive, in cui non riesce nemmeno a comunicare con la moglie e il figlio a causa dei rigidi protocolli di sicurezza, Waylon sviluppa una profonda avversione nei confronti degli scienziati che conducono esperimenti pericolosi e irresponsabili sui loro pazienti, esclusivamente motivati dal loro tornaconto economico.

L’empatia verso quei poveri diavoli alimenta la rabbia di Waylon e prepara il terreno per la sua denuncia che porterà a galla tutto il marcio che infesta Mount Massive.

Anche se narra la vicenda che conduce all’inizio di Outlast, Whistleblower si dipana ben oltre gli eventi del gioco originale per mostrare l’ultimo capitolo della storia del Mount Massive Asylum. Un bel plus di questa versione per Nintendo Switch

Conclusioni

Outlast: Bundle of Terror non è un gioco perfetto, ma è pauroso, avvincente e divertente. I meccanismi del gameplay possono risultare ripetitivi in alcuni frangenti, ma la perfetta atmosfera creata dagli sviluppatori ci farà superare anche questi difetti.

Poter giocare a titoli di questo tipo su una console Nintendo non era scontato e siamo felicissimi che giochi come Outlast arrivino anche su Switch. Se non avete mai giocato a Outlast: Bundle of Terror, allora questo è il momento perfetto per farlo in attesa del secondo capitolo che arriverà a breve. Altrimenti, questa versione non aggiunge nulla rispetto al titolo originale.

Outlast: Bundle of Terror (con DLC incluso) per Nintendo Switch è disponibile al prezzo di 24,99€.

 

4.0

Outlast: Bundle of Terror non è un gioco perfetto, ma è pauroso, avvincente e divertente. I meccanismi del gameplay possono risultare ripetitivi in alcuni frangenti, ma la perfetta atmosfera creata dagli sviluppatori ci farà superare anche questi difetti. Poter giocare a titoli di questo tipo su una console Nintendo non era scontato e siamo felicissimi che giochi come Outlast arrivino anche su Switch. Se non avete mai giocato a Outlast: Bundle of Terror, allora questo è il momento perfetto per farlo in attesa del secondo capitolo che arriverà a breve. Altrimenti, questa versione non aggiunge nulla rispetto al titolo originale.

Outlast: Bundle of Terror
Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link