KORG Gadget per Nintendo Switch – Recensione

di Giuseppe Migliorino 0

KORG Gadget è uno dei titoli più particolari presenti sul Nintendo eShop, in quanto non può certo essere definito un classico gioco. Come si può intuire dal brand KORG, qui si parla di musica. Di musica che si può creare con la Nintendo Switch.

Grazie ai vari synth disponibili e a un’interfaccia grafica semplice e intuitiva, è possibile creare dei brani in pochi minuti, anche torcendo e girando i Joy-Con.

Presente anche una modalità multiplayer, che consente a un massimo di quattro persone di collaborare e fare musica assieme. Ovviamente, si può anche collegate la Nintendo Switch al televisore per giocare in salotto oppure a un proiettore per delle piccole grandi esibizioni dal vivo.

KORG Gadget trasforma la Switch in una workstation audio digitale (DAW) per la creazione di musica tramite diversi sintetizzatori, creati grazie agli anni di esperienza nei laboratori KORG. Non si tratta quindi di un titolo per tutti, visto che il suo target è chiaramente quello musicale. Questo non significa che KORG Gadget può essere divertente solo per i musicisti, anzi le sue dinamiche sono perfette anche per chi non ha mai visto una tastiera in vita sua e vuole provare a divertirsi con qualche componimento particolare. Bisogna comunque partire dal presupposto che si tratta di un’app musicale a tutti gli effetti.

KORG Gadget viene però da un successo strepitoso, soprattutto su smartphone e tablet, tanto che la sua trasposizione su Switch non è stata certo una sorpresa. Come per la versione mobile, anche questo titolo include una suite formata da 16 strumenti tra sintetizzatori e drum machine, ognuno con un tema specifico. Per ogni set sono presenti una varietà di effetti, dai blout ai bassi, passando per le diverse linee di equalizzazione e altri particolari effetti per ogni singolo strumento.

Peccato che li strumenti, o gadget, siano solo 16 come la versione mobile, e non 30 come quella per Mac. In ogni caso, tutti i sintetizzatori sono simulati in maniera impeccabile, soprattutto se avete modo di collegare la console a qualche fonte audio esterna. E, ovviamente, ogni synth ha una serie di manopole e interruttori che permettono di cambiare radicalmente il tipo di suono. Da appassionato e tastierista, posso assicurarvi che rischierete di passare ore e ore a modificare ogni singolo suono. Insomma, malgrado i 16 strumenti la varietà di suoni e la longevità sono garantite.

Nella versione Switch è presente però una modalità inedita: il multiplayer in co-op, che permette di collaborare contemporaneamente allo stesso brano. Il tutto funziona in locale, fino ad un massimo di 4 giocatori.

 Sullo schermo, il cursore di ogni utente sarà di un diverso colore e questo aiuterà a mantenere l’ordine durante la creazione del brano. Oltre al Joy-Con, potremo usare anche il Controller Pro o il touchscreen: in tutti e tre i casi, l’interfaccia è reattiva e risulta sempre semplice controllare ogni minimo dettaglio.

A prima vista, KORG Gadget può sembrare complicato, ma bastano pochi minuti per prendere familiarità con l’interfaccia ed iniziare a creare brani anche complessi. Si possono selezionare le barre per creare loop più lunghi, copiare determinate tracce già create o riprodurre la musica da un particolare momento. Ogni configurazione può anche essere salvata e caricata in un secondo momento.


E’ anche possibile muovere i Joy-Con per regolare alcuni parametri del brano, per attivare il mixer o per cambiare schermata.

Peccato manchi la possibilità di esportare o importare canzoni, funzione che è imprescindibile per qualsiasi app DAW professionale. Korg Gadget, anche per questo motivo, rimane del limbo delle app musicali divertenti, ma non certo paragonabili ad alternative pensate per chi suona anche per lavoro. Speriamo che tale funzione venga attivata con un futuro update, anche perché la versione iPad di KORG Gadget permette l’esportazione e l’importazione dei brani. Le poche opzioni di condivisione permettono di condividere localmente un brano con altri utenti Switch. Inoltre, non è possibile interfacciare l’app con un controller MIDI esterno.

Nella sua versione per Nintendo Switch, KORG Gadget offre delle funzioni divertenti e interessanti come il multiplayer co-op, ma manca di alcune opzioni come quelle di esport e import dei brani o il supporto ai controller MIDI.

Al momento, però, non esistono alternative simili sulla Switch e KORG Gadget può essere un divertente diversivo rispetto ai classici giochi.

Il prezzo è di 49€.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link