Resident Evil 2, alla Games Week si torna a Raccoon City – Provato

di Luca Ansevini 0

E’ sicuramente uno dei titoli più attesi del prossimo anno e crocevia indiscusso tra due generazioni videoludiche. Resident Evil 2 è atteso il 25 Gennaio 2019 e finalmente alla Games Week abbiamo avuto occasione di ritornare nelle tenebrose ambientazioni di Raccoon City in una demo ormai ben nota ma che ha saputo comunque offrirci nuovi spunti di valutazione dello stato dei lavori di Capcom.

Le ormai ben note vicissitudini del malcapitato Leon S. Kennedy ci riportano in quella Raccoon City infestata dai non morti, dove solo sangue freddo e coraggio potranno salvare il protagonista dall’orrore che lo aspetta. La demo giocabile alla Milan Games Week di fatto è stata la stessa già vista in queste ultime settimane ma ci ha comunque portato più a contatto con il titolo e con le sue ambientazioni, leggermente differenti rispetto a quelle che abbiamo imparato a conoscere nella versione originale ma che ci hanno trasmesso le stesse sensazioni di angoscia e timore.

Questo remake dice addio all’iconica inquadratura fissa e agli sfondi pre-renderizzati ma non sembra perdere assolutamente il tiro e il suo marchio di fabbrica, incutendo una profonda sensazione di angoscia ad ogni passo in virtù degli spazio bui e angusti e da una soundtrack sicuramente meno incisiva dell’originale ma che riesce comunque a trasmettere al giocatore quella sensazione di timore ad ogni passo. Solo 10 minuti sono stati un lasso di tempo non sufficiente per farci un’idea approfondita del titolo, tuttavia ci hanno permesso di rituffarci nuovamente in quel survival horror puro nato proprio dalla mente del game designer Shinji Mikami. Gli angusti corridoio riportano alla luce gli incubi che ci hanno pervaso da bambini, quando per la prima volta su PS1 giocammo il titolo originale e restammo tanto ammaliati quanto terrorizzati dalle sensazioni che esso fu in grado di trasmettere.

Le meccaniche di gioco riprendono sostanzialmente quella linea tracciata dal quarto capitolo della saga risultando però meno frenetiche rispetto agli ultimi capitoli e quindi in qualche modo più fedeli al concetto originale della saga, con un approccio decisamente meno shooter rispetto alle recenti apparizioni del brand. L’oscurità e quella claustrofobica sensazione di prigionia fanno da contorno per un ritorno dello storico titolo in grandissimo stile, un ritorno che siamo sicuri non deluderà i fan di nuova e vecchia data.

Per quanto ci è stato possibile provare insomma al titolo non sembra mancare davvero nulla ma presenta tutte le carte in regola per proporre un’esperienza fedele al titolo originale ma decisamente più moderna. Non ci resta quindi che attendere il 25 gennaio per tornare nell’orrore di Raccoon City.

 

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link