Google Stadia, l’azienda risponde alle critiche sul servizio

di Luca Ansevini 0

Il lancio di Google Stadia non è stato certamente rose e fiori, visti i numerosi problemi di performance segnalati a gran voce da tutti gli utenti che hanno acquistato l’accesso al servizio tramite Founder’s Edition e Premiere Edition. Ad affliggere la piattaforma i numerosi problemi legati alla qualità grafica dei titoli offerti, una qualità ben lontana da quanto promesso dall’azienda di Moutain View

Secondo l’analisi condotta da Digital Foundry il nuovo servizio di Google non opera seguendo gli obiettivi qualitativi dichiarati da Google in merito alla risoluzione, framerate e dettaglio grafico. Destiny 2 e Red Dead Redemption 2 sono stati i titoli in assoluto più criticati, forti proprio dell’assenza di un dettaglio grafico di alto profilo (in alcuni casi inferiore a quello offerto da Xbox One X) ma sopratutto di quel 4K a 60FPS nativo tanto millantato in fase di presentazione del servizio (raggiunto in parte ora solo tramite upscaling).

Google si è così trovata costretta ad intervenire ufficialmente per cercare di soffocare il grosso focolaio di polemiche, fornendo precisazioni in merito allo stato del proprio servizio di streaming videoludico:

Stadia trasmette in streaming a [email protected] FPS e questo include tutti gli aspetti della nostra pipeline grafica dal gioco allo schermo: GPU, encoder e Chromecast Ultra supportano il 4K con una connessione internet appropriata.

Gli sviluppatori dietro i giochi Stadia lavorano duramente per offrire la migliore esperienza di streaming per ogni gioco. Come potete vedere su tutte le piattaforme questo include una varietà di tecniche per ottenere la migliore qualità complessiva. Offriamo agli sviluppatori la libertà su come ottenere la migliore qualità d’immagine e frame rate su Stadia e siamo impressionati da ciò che sono stati in grado di ottenere per il primo giorno. Ci aspettiamo che molti sviluppatori possano continuare a migliorare i loro giochi su Stadia. Poiché Stadia vive nei nostri data center, gli sviluppatori sono in grado di innovare rapidamente offrendo esperienze ancora migliori senza la necessità di patch di gioco o download.

L’azienda scarica insomma la responsabilità sugli sviluppatori, parlando di un costante impegno per poter migliorare ulteriormente le performance dei propri titoli con Google Stadia. Di sicuro da Moutain View c’è grande attenzione verso il neonato servizio di streaming e la speranza è che presto i vari problemi siano risolti per portare il servizio ad ottenere gli obiettivi prefissati dall’azienda.

 

[via]

 

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.